Adeguamento degli strumenti urbanistici generali del Comune di Ercolano

Adeguamento degli strumenti urbanistici generali, vigenti ed adottati, al divieto di nuova edificazione a scopo residenziale ai sensi e per gli effetti dell’art. 2 della legge regionale 10.12.2003 n. 21 e s.m. e i.. Proposta a Consiglio Comunale.

Relazione dell’Ufficio – ISTRUTTORIA: E/O PROPOSTA DI DELIBERAZIONE
PREMESSO CHE
– l’intero territorio del Comune di Ercolano rientra tra quelli soggetti al rispetto della legge regionale 10.12.2003 n. 21 e s.m. e i. recante “Norme urbanistiche per i comuni rientranti nelle zone a rischio vulcanico dell’area vesuviana” (cd zona rossa-rischio vesuvio);
– l’art. 2 della legge regionale n. 21/2003 e s.m. e i. stabilisce che: 1. Gli strumenti urbanistici generali ed attuativi dei comuni di cui all’articolo 1, a far data dall’entrata in vigore della presente legge, non possono contenere disposizioni che consentono nuova edificazione a scopo residenziale, mediante l’aumento dei volumi abitabili e dei carichi urbanistici derivanti dai pesi insediativi nei rispettivi territori.
2. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge è vietato alle amministrazioni competenti assumere provvedimenti di approvazione o di esecutività previsti da disposizioni di legge vigenti in materia, degli strumenti attuativi dei piani regolatori generali dei comuni individuati all’articolo 1, comportanti nuova edificazione a scopo residenziale, ad eccezione degli edifici realizzati precedentemente all’entrata in vigore della presente legge.
– l’art. 3 della stessa legge regionale dispone che i comuni interessati sono tenuti ad adeguare al divieto sancito dall’articolo 2 gli strumenti urbanistici generali ed attuativi, che alla data di entrata in vigore della presente legge sono sia in corso di formazione che adottati;
– l’art. 5 della stessa legge regionale dispone che, fino alla vigenza degli strumenti urbanistici generali adeguati a quanto disposto dal predetto art. 2 della LR n. 21/03, è vietato il rilascio di titoli edilizi abilitanti la realizzazione di interventi finalizzati a nuova edilizia residenziale.
CONSIDERATO CHE
– il Consiglio di Stato, con sentenze n. 4465 del 23.07.2018 e n. 5381 del 30.07.2019, per due casi di ricorsi in materia di condono edilizio nel Comune di Ercolano, ha respinto gli appelli dei soggetti interessati all’ottenimento del condono edilizio a scopo residenziale per due motivi principali:
a) in generale, per impedire la realizzazione di nuove abitazioni in zona rossa, è necessario in primo luogo impedire che la pianificazione urbanistica le consenta (art. 2 LR n.21/03); occorre quindi obbligare i Comuni, come è noto titolari della potestà pianificatoria, ad adeguarsi (art. 3 LR n.21/03); fino all’adeguamento degli strumenti urbanistici è vietato il rilascio di titoli edilizi abilitanti la realizzazione di interventi finalizzati a nuova edilizia residenziale (art. 5 LR n.21/03);
b) la legge regionale 18.11.2004 n. 10 e s.m.e i., a seguito dell’intervento della Corte Costituzionale con sentenza n. 49 del 10.02.2006, ha generalizzato il divieto di applicazione del
FUNZIONARIO ISTRUTTORE
FIRMA ESTESO
Ing. Aniello Moccia
4
condono edilizio per edifici a scopo residenziale rientranti nella cd “zona rossa”, a tutte le richieste di cui alla legge n. 47/85, n. 724/94 e n. 326/2003;
ATTESO CHE
– in merito al predetto punto a), con riferimento agli strumenti urbanistici vigenti ed adottati, occorre procedere a prendere atto di quanto disposto dall’art. 2 della legge regionale 10.12.2003 n. 21 e s.m. e i.;
– in merito al predetto punto b) è intervenuta la Regione Campania che, con propria legge 07.08.2019 n. 16 ha precisato, all’art. 17, che la legge n. 10/2004 è esclusivamente riferita al terzo condono di cui alla legge 24.11.2003 n. 326;
RITENUTO CHE
– il Piano Regolatore Generale del Comune di Ercolano fu, adottato nel 1972 con delibera di Consiglio Comunale n. 78 del 29/07/72;
– il Piano Urbanistico Comune (PUC) strutturale è stato adottato con delibera di G.C. n. 373 del 15.10.2019 e sono scattate le norme di salvaguardia previste all’articolo 10 della legge regionale n. 16/2004 e s.m.e i.;
– il PUC strutturale adottato già non prevede la possibilità di nuova edificazione a scopo residenziale, mediante l’aumento dei volumi abitabili e dei carichi urbanistici;
– occorre prendere atto, con riferimento allo strumento urbanistico vigente, di quanto disposto dall’art. 2 della legge regionale 10.12.2003 n. 21 e s.m. e i., ovvero stabilendo che in tutto il territorio del Comune di Ercolano non è consentita alcuna nuova edificazione a scopo residenziale mediante l’aumento dei volumi abitabili e dei carichi urbanistici derivanti dai pesi insediativi;
VALUTATA LA NECESSITA’
– di adeguare lo strumento urbanistico vigente del Comune di Ercolano al fine di impedire, per il futuro, che nella cd “zona rossa” (rischio Vesuvio) si realizzino nuove abitazioni od ampliamenti di abitazioni esistenti ad eccezione degli edifici realizzati precedentemente all’entrata in vigore della legge regionale n. 21/03 e di cui alle richieste di condono edilizio inoltrate ai sensi della legge n. 47/85 e n. 724/94 e s.m. e i.;
PROPONE all’Assessore all’Urbanistica di proporre l’adozione di una delibera di Giunta Comunale con la quale si proponga al Consiglio Comunale di prendere atto, con riferimento allo strumento urbanistico vigente del Comune di Ercolano, di quanto disposto dall’art. 2 della legge regionale 10.12.2003 n. 21 e s.m. e i. recante “Norme urbanistiche per i comuni rientranti nelle zone a rischio vulcanico dell’area vesuviana”, dando atto che il PUC adottato con delibera di G.C. n. 373/2019 già non prevede la possibilità di nuova edificazione a scopo residenziale, mediante l’aumento dei volumi abitabili e dei carichi urbanistici, in osservanza dell’art. 2 della legge regionale n. 21/2003 e s.m. e i..

Ercolano 05-11-2019

Progettazione e Direzione L. per Ristrutturazione edilizia

Ristrutturazione edilizia (abbattimento e ricostruzione ) con la legge 219/81 di Edificio condominiale  di n° 9 appartamenti a cinque piani fuori terra 

Importo per la Ristrutturazione: 1.000.000,000€

Lo studio ha effettuato:

COMPUTI E CAPITOLATI

Sopralluogo e rilievo di tulle le misure, altimetriche e planimetriche sulle zone oggetto di intervento edilizio;

Computo metrico senza prezzi da poter consegnare alle imprese per le offerte economiche con l’inserimento dei prezzi, da consegnare in busta chiusa in allegato a tutti i requisiti amministrativi e tecnici per affrontare la futura gara d’appalto;

Capitolato Speciale d’appalto da poter consegnare alle imprese per la futura gara d’appalto;

– Elaborati Fotografici da poter consegnare alle imprese per determinare le offerte da discutere per la futura gara d’appalto

DIREZIONE DEI LAVORI CON COMUNICAZIONE DI INIZIO E FINE LAVORI compreso di:

  1. Mandato di incarico professionale per il compenso della direzione dei lavori e sulla sicurezza dei cantieri se occorre.

  2. Gara d’appalto per stabilire l’ impresa appaltante aventi determinati requisiti
  3. Contratto d’appalto con la Ditta Esecutrice;
  4. Comunicazione Inizio Lavori
  5. Verbale di consegna del cantiere all’impresa appaltatrice
  6. Assistenza Tecnica per la Scelta dei Materiali e lavorazioni

  7. Controllo dei lavori svolti e dei materiali utilizzati se conformi al computo metrico

  8. Documentazione fotografica sull’andamento dei lavori fornita in digitale in una pagina privata del sito web ufficiale dello studio tecnico (www.netvet.it)

  9. Certificati di pagamenti per ogni S.A.L. (Stato Avanzamento Lavori)

  10. Certificato di pagamento finale

  11. Collaudo finale sulle opere ristrutturate

SICUREZZA SUI CANTIERI:

Redazione di Piano di Sicurezza e Coordinamento e Responsabile della Sicurezza in fase di Progettazione ed Esecuzione lavori, per cantieri edili.

Autorizzazione sismica strutturali al genio civile

Autorizzazione sismica, completo di relazioni di calcoli, tabulati e relazione geologica e geosismica

Prima dell’abbattimento e ricostruzione

Durante al ricostruzione

Dopo la ricostruzione 

Direzione lavori per Ristrutturazione Rudere

Ristrutturazione di rudere a due livelli 

Importo per la Ristrutturazione: 100.000,000€

Lo studio ha effettuato:

COMPUTI E CAPITOLATI

Sopralluogo e rilievo di tulle le misure, altimetriche e planimetriche sulle zone oggetto di intervento edilizio;

Computo metrico senza prezzi da poter consegnare alle imprese per le offerte economiche con l’inserimento dei prezzi, da consegnare in busta chiusa in allegato a tutti i requisiti amministrativi e tecnici per affrontare la futura gara d’appalto;

Capitolato Speciale d’appalto da poter consegnare alle imprese per la futura gara d’appalto;

– Elaborati Fotografici da poter consegnare alle imprese per determinare le offerte da discutere per la futura gara d’appalto

DIREZIONE DEI LAVORI CON COMUNICAZIONE DI INIZIO E FINE LAVORI compreso di:

  1. Mandato di incarico professionale per il compenso della direzione dei lavori e sulla sicurezza dei cantieri se occorre.

  2. Gara d’appalto per stabilire l’ impresa appaltante aventi determinati requisiti
  3. Contratto d’appalto con la Ditta Esecutrice;
  4. Comunicazione Inizio Lavori
  5. Verbale di consegna del cantiere all’impresa appaltatrice
  6. Assistenza Tecnica per la Scelta dei Materiali e lavorazioni

  7. Controllo dei lavori svolti e dei materiali utilizzati se conformi al computo metrico

  8. Documentazione fotografica sull’andamento dei lavori fornita in digitale in una pagina privata del sito web ufficiale dello studio tecnico (www.netvet.it)

  9. Certificati di pagamenti per ogni S.A.L. (Stato Avanzamento Lavori)

  10. Certificato di pagamento finale

  11. Collaudo finale sulle opere ristrutturate

SICUREZZA SUI CANTIERI:

Redazione di Piano di Sicurezza e Coordinamento e Responsabile della Sicurezza in fase di Progettazione ed Esecuzione lavori, per cantieri edili.

Autorizzazione sismica strutturali al genio civile

Autorizzazione sismica, completo di relazioni di calcoli, tabulati e relazione geologica e geosismica


Prima della Ricostruzione

durante la ricostruzione

dopo la ricostruzione

Auguri di buon Natale e felice anno nuovo 2018

Auguro a voi e famiglia di trascorrere serene festività natalizie e di dare speranza al futuro anno che verrà festeggiando il Natale ed il capodanno con le persone che amate veramente. 

Vorrei fare un sunto di questo 2017 per annunciare anche Delle novità del nostro studio:

  • L’anno 2017 è stato l’inizio per ampliare la mia attività professionale anche nel comune di Torre del Greco, collaborando con impresa edile locale ed la consulenza ogni lunedì nell’associazione del cavaliere della Repubblica Gennaro Scognamiglio in via Via Lucania n 12 a Torre del Greco (NA)
  • ho avuto l’ approvazione dalla regione Campania su un mio progetto per la distribuzione carburanti di 17000 mq che inizieremo la costruzione nel 2018 a Sant’Antimo
  • Ho avuto l’approvazione di una istanza di condono edilizio per una villa nei pressi delle piscine quattro venti ad Ercolano
  • Ho chiuso dei lavori vecchi di divisione ereditaria molto complessi.
  • Ho fatto una esperienza lavorativa e soprattutto umanitaria molto importante e con il cuore, dando una mano al C.O.C. Centro Operativo Comunale, a i miei colleghi e alla popolazione di Ischia per il forte terremoto che li ha colpiti, dove in questi giorni i media hanno annunciato che il governo stanzierà  milioni di euro per la ricostruzione.

UN SALUTONE A TUTTI VOI DI ISCIA ,

la vostra gentilezza e cordialità non la dimenticherò mai.

  • Ho iniziato il percorso di distribuzione con una azienda leader mondiale nel settore Delle bevande al Ganoderma (BEVANDE DEL BENESSERE) ed sono molto entusiasta di questa opportunità secondaria al mio lavoro perché può fondersi con la mia attività professionale.

OBBIETTIVI 2018 mettendocela tutta, con le dita incrociate:

  • Nell’anno 2018 inizierò la mia attività professionale anche nel comune di Torre del Greco, facendo la consulenza ogni lunedì nell’associazione del cavaliere della Repubblica Gennaro Scognamiglio in via Via Lucania n 12 a Torre del Greco (NA) per successioni ereditarie, catasto, edilizia, progettazione, direzione lavori ,
  • Inizieremo la direzione dei lavori e coordinamento della sicurezza, per la costruzione del distributore di carburante a Sant’Antimo e appartamenti ed edifici, 
  • Chiudere vecchi condoni edilizio con il rilascio Delle licenzia o meglio permessi a costruire in sanatoria
  • Continuerò il percorso di distribuzione delle bevande al Ganoderma  (BEVANDE DEL BENESSERE) aggiungendo nuovi clienti e  creando gruppi di lavoro e corsi formativi, per dare opportunità lavorativa.

Di nuovo TANTISSIMI AUGURI

Nord-Corea, Pyongyang accusa la Cia

 Nord-Corea, Pyongyang accusa la Cia: «Complotto per uccidere Kim»

L’attentato sarebbe dovuto avvenire a metà aprile durante le grandi celebrazioni tenute a Pyongyang per i 105 anni di Kim Il Sung, il fondatore della Repubblica Democratica Popolare di Corea: «Una dichiarazione di guerra», sostengono i coreani

 

Item added to cart.
0 items - 0,00
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: